fbpx
Quattro frecce, quando usarle?

Quattro frecce, quando usarle?

Molti automobilisti si chiedono quali siano le luci da utilizzare nei diversi casi e come utilizzarle al meglio. All’interno di questo articolo cercheremo di fare chiarezza su tale aspetto.

 

  • I sistemi per vedere e renderci visibili
  • Le luci auto obbligatorie
  • Luci dell’auto accese sempre
  • Quali luci bisogna accedere?
  • Kit di emergenza delle luci dell’auto
  • Le sanzioni previste dal Codice della Strada
auto in coda

4 frecce: l’uso scorretto 

Capita spesso di vedere all’interno delle nostre città, auto che utilizzano le quattro frecce. Ultimamente si sta assistendo ad un uso eccessivo di questa forma di illuminazione. Quando dobbiamo raggiungere un negozio o dobbiamo sbrigare una piccola commissione, pensiamo di fermarci e di utilizzare le quattro frecce. Questa è l’idea che molti italiani hanno, ma che tecnicamente è sbagliata. 

 

Parcheggiare l’auto e mettere le quattro frecce, non vuol dire eludere eventuali cartelli di divieto di sosta o di obbligo di pagare il ticket per il parcheggio. Le quattro frecce sono state realizzate e ideate per uno scopo ben preciso. 

Solo per segnalare la presenza del veicolo in condizioni di pericolo, possono essere utilizzate le quattro frecce. Pertanto l’abuso di questo tipo di segnalazione all’interno delle città, può essere definito come una manovra grossolana. L’alibi, quindi, della sosta dove non si potrebbe, non può essere sostenuta.

luci posteriori auto

Le regole contenute nel Codice della Strada

Ovviamente anche le quattro frecce vengono normate dal Codice della Strada. In particolare si tratta dell’articolo 153 comma 7. All’interno di questo articolo, si elencano tutte le casistiche necessarie in cui tali luci devono essere utilizzate. 

 

Le quattro frecce possono essere utilizzate in casi di ingombro della carreggiata, come ad esempio, quando l’auto è in panne e occupa parte della strada. L’uso delle quattro frecce avvisa quindi gli automobilisti, che sopraggiungono nel punto critico, di prestare attenzione. Ricordiamoci sempre in questo caso di posizionare il triangolo di emergenza a circa 100 metri per segnalare la nostra posizione di pericolo. Le quattro frecce devono essere accese per tutto il tempo necessario per posizionare il triangolo…e per riprenderlo. 

 

In alcuni casi, però, l’auto può essere in grado di percorrere la strada, sebbene a velocità nettamente ridotta. Le moderne autovetture infatti permettono di raggiungere l’officina a una velocità di 15 o 20 km orari. Chiaramente questa situazione avviene se la problematica meccanica non è troppo invadente, oppure se è una problematica elettronica lieve. In questo caso, le quattro frecce possono essere utilizzate al fine di segnalare una velocità nettamente ridotta. 

 

L’utilizzo delle quattro trecce è fondamentale per far sì che sia ridotto il rischio di tamponamenti. Le quattro frecce possono essere utilizzate anche in caso di improvvisi rallentamenti o incolonnamenti. Questa situazione avviene normalmente nelle strade a scorrimento veloce, come ad esempio le autostrade o le superstrade. 

 

Alcune autovetture hanno la possibilità di far partire in automatico le quattro frecce in caso di brusca frenata. Quest’aspetto chiaramente dipende dalle autovetture, in quanto ogni casa automotive può decidere se agganciare questo tips all’auto oppure no. 

 

Come ultimo evento sancito dal Codice della strada, abbiamo chiaramente tutti gli altri casi dove sussiste una fermata di emergenza che può portare all’insorgenza di un pericolo, anche momentaneo per gli altri utenti della strada. 

Ricordiamoci inoltre che la fermata deve essere forzata e quindi motivata da un pericolo importante e impellente. Non possiamo fermarci per rispondere al cellulare in una zona ad alto rischio di tamponamento, ma, ad esempio, lo possiamo fare se l’auto ha terminato la benzina.

colonna di auto

Le sanzioni previste dal Codice della Strada

Finora abbiamo visto tutte le regole che decidono l’utilizzo o meno delle quattro frecce. Chiaramente il Codice della Strada prevede anche delle sanzioni in tale aspetto. Si parla di multe comprese tra 42 e 170 euro, oltre alla decurtazione di un punto della patente.

 

Lampadine classiche alogene o LED

Le moderne autovetture hanno sistemi di segnalazione molto tecnologici. Le più moderne autovetture hanno infatti le frecce, che non sono più le normali lampadine alogene, ma sono dei LED. In alcuni casi, nelle autovetture Premium, queste tecnologie prevedono anche la realizzazione di movimenti dei LED, al fine di rendere ancora più visibile la freccia accesa. 

 

Il consiglio è quello di attuare un check delle luci di segnalazione prima di partire per un lungo viaggio o, comunque, di farlo con una cadenza mensile. Avere una luce bruciata o non funzionante, potrebbe essere molto pericoloso per il conducente e gli altri soggetti che si trovano lungo la traiettoria. 

 

Se ipotizziamo, ad esempio, di dover realizzare una svolta, ma le luci di svolta non vengono accese in quanto si ha un guasto, ecco che possiamo andare incontro alla collisione. Pensiamo, ad esempio, alle biciclette o ai ciclomotori, ma anche alle altre auto che incrociamo. Il rischio che si corre in questo caso è di affrontare eventuali danni costosi a fronte di un controllo molto veloce e dai costi ridotti. 

Le lampadine alogene delle quattro frecce sono molto economiche e possono essere sostituite anche molto rapidamente dal conducente stesso. Nell’eventualità invece che vi siano delle problematiche ai sistemi LED, ecco che la questione si complica. In questo caso consigliamo di recarsi presso un elettrauto o una officina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Superiore